Dl Sostegni bis, riformulato il calendario fiscale 2021. Cfp estesi fino a 15 mln di fatturato

Pubblicato il


Dl Sostegni bis, riformulato il calendario fiscale 2021. Cfp estesi fino a 15 mln di fatturato

L’esame degli emendamenti al Ddl di conversione del decreto Sostegni bis prosegue incessante in Commissione Bilancio della Camera, tanto che si è deciso di far slittate l’approdo in Aula, in programma per oggi, a lunedì 12 luglio.

Dopo aver approvato oltre 150 correttivi, si è deciso di prorogare di un giorno la chiusura dei lavori, visto il confronto serrato all’interno della maggioranza su alcuni punti chiave: dalla stabilizzazione dei precari della scuola, alla dote da 400 milioni di euro per garantire la ripresa della didattica in presenza, fino all’emendamento riformulato sui versamenti delle imposte da parte delle partite Iva soggette agli ISA.

Riformulato il calendario fiscale 2021, si torna al 31 agosto per i soggetti ISA

Mentre restano confermate le nuove date relative alla cosiddetta pace fiscale (4 per la Rottamazione-ter e 2 per il Saldo e stralcio) sospese da febbraio 2020, con la possibilità di pagare in quattro appuntamenti dal 31 luglio (2 agosto come primo giorno feriale) al 31 ottobre, con le rate sospese del 2021 che andranno versate in unica soluzione entro il prossimo 30 novembre, fino alla tarda serata di ieri si è discusso sulla proposta di proroga della scadenza dei versamenti Irpef per i soggetti sottoposti agli indicatori di affidabilità fiscale.

E’ stato, infatti, riformulato l’emendamento sui versamenti delle imposte da parte delle partite Iva soggette alle pagelle fiscali, con una nuova data che prevede il versamento del saldo e del primo acconto delle imposte dirette e dell’Irap in scadenza il 30 giugno 2021 entro il prossimo 31 agosto e non più il 10 settembre come previsto nella prima versione del correttivo.

Il tutto con la possibilità di arrivare al 15 settembre, pagando una lieve maggiorazione dello 0,2 per cento. Ma, proprio sulla data del 15 settembre continua il dibattito, visto che da più parti è arrivata la richiesta del rinvio delle tasse dei soggetti ISA al 15 settembre senza, però, alcuna maggiorazione.

Contributi a fondo perduto anche alle imprese con ricavi fino a 15 mln di euro

Approvato l’emendamento che stanzia 529 milioni di euro per il 2021 per i contributi a fondo perduto da destinare alle imprese che hanno registrato nel 2019 un volume d'affari tra i 10 e i 15 milioni di euro e che risultano profondamente colpite dalla crisi economica collegata alla pandemia.

L'emendamento prevede che per queste imprese il contributo a fondo perduto automatico sia riconosciuto sul 20% della differenza tra l'ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2020 e quello del 2019.

Stanziate specifiche risorse per il 2021 anche per il settore del wedding e dell’intrattenimento: 60 mln a fondo perduto per le feste e cerimonie, gli enti del terzo settore e le fiere. Entro 30 giorni dalla conversione in legge del decreto, il MiSE e il MEF approveranno un decreto per fissare la modalità di erogazione del contributo.

Aumenta, inoltre, di 10 milioni il fondo per le agenzie di viaggio e arrivano 10 milioni di euro per i bus turistici.

Potenziati con altri 30 milioni di euro i fondi, pari a 70 milioni, già stanziati i centri per l’impiego.

Dl Sostegni bis, incentivi auto rivisti

Modificata la ripartizione dei 350 milioni di euro destinati agli incentivi auto:

  • passano da 50 a 40 milioni i finanziamenti destinati all’acquisto di auto usate e basso livello di inquinamento;

  • salgono da 50 a 60 milioni quelli per chi compra veicoli elettrici;

  • resta a 200 milioni di euro la dote degli aiuti per le macchine Euro 6, mentre i restanti 50 milioni sono riservati ai veicoli commerciali.

Sempre con riferimento all’automotive, arriva il via libera al “Centro italiano di ricerca per l’automotive e aerospazio” (con sede a Torino) e la forma giuridica di Fondazione, per la creazione di una infrastruttura che utilizzi i metodi di intelligenza artificiale.

Affitti e altri correttivi su editoria, tamponi e test Covid

Esteso il credito di imposta per gli affitti anche alle imprese del commercio al dettaglio (esempio i centri commerciali), che hanno ricavi superiori ai 15 milioni di euro ed hanno subito una flessione di almeno il 30% del fatturato tra aprile 2020 - marzo 2021 e aprile 2019 - marzo 2020.

Previsto, inoltre, che lo stesso credito d’imposta sia riconosciuto anche ai centri commerciali che non abbiano il requisito delle perdite, ma abbiano iniziato l’attività dal 1° gennaio 2019.

Passato il correttivo che stanzia 100 milioni di euro per le compensazioni alle imprese edili che nei contratti pubblici hanno subito oscillazioni dell’8% in aumento o in diminuzione dei prezzi delle materie prime.

Due misure anche per il settore editoria:

  • slitta di 12 mesi, a fine 2023, l’entrata in vigore della riduzione di trasferimenti al settore editoria disposti nel 2018;

  • sì anche al credito d’imposta del 10% riconosciuto nel 2021 alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisto di carta nel 2020.

Approvato l’emendamento che aumenta di 10 milioni di euro, facendo arrivare a 60 milioni la dotazione del Fondo del ministero del Turismo destinato all’erogazione di contributi per le città d’arte, con il vincolo che siano destinati a Roma Capitale.

Due emendamenti al Dl Sostegni bis riconoscono, invece, rispettivamente, la possibilità a chi non si è potuto sottoporre al vaccino contro il Covid-19 per motivi di salute, di effettuare gratuitamente i test molecolari e i test antigenici rapidi e ai bambini al di sotto dei sei anni di poter viaggiare o partecipare ad eventi e cerimonie senza essere sottoposti ai test diagnostici per l'infezione da Covid-19.

Il Fondo per la gratuità dei tamponi avrà una dotazione di 10 milioni di euro per l'anno 2021 ed è rivolto ai cittadini con disabilità o in condizioni di fragilità che non possono effettuare la vaccinazione Covid 19 a causa di patologie ostative certificate.

Non è passato, invece, l’emendamento per salvare la costituzione delle start up innovative in modalità online.

Allegati