Versamenti per registrazione degli atti privati con F24

Pubblicato il


Versamenti per registrazione degli atti privati con F24

Novità per il versamento delle somme dovute per la registrazione degli atti privati: da settembre 2020 si dovrà usare solo il modello F24.

Con il provvedimento prot. 18379 del 27 gennaio 2020, l’Agenzia delle Entrate stabilisce che per il versamento dei tributi e dei relativi interessi, sanzioni e accessori dovuti in relazione alla registrazione degli atti privati, dal 2 marzo 2020 si potrà utilizzare il modello di versamento “F24”.

Viene previsto un periodo transitorio: fino al 31 agosto 2020 può essere utilizzato anche l’F23 secondo le attuali modalità. Dal 1° settembre 2020 vi sarà l’obbligo di avvalersi, per i detti pagamenti, del solo modello F24.

Registrazione degli atti privati con F24. Atti interessati

L’estensione si applica a tutti gli atti privati soggetti a registrazione (in termine fisso, in caso d’uso o presentati volontariamente per la registrazione), sulla base del Dpr n. 131/1986.

Nulla muta con riferimento alle modalità di versamento delle somme dovute per la registrazione dei contratti di locazione e affitto di beni immobili e alla registrazione degli atti costitutivi delle startup innovative.

Una risoluzione dell’Agenzia delle Entrate fisserà i codici tributo da utilizzare per i versamenti in parola, fornendo le istruzioni per la compilazione del modello.

Allegati Anche in
  • edotto.com – Edicola del 3 gennaio 2020 - Compensazioni crediti d’imposta, chiarimenti Entrate su presentazione modelli F24 – Moscioni