MEF. No aumento aliquota regime forfetario, ma proroga del Superbonus

Pubblicato il


MEF. No aumento aliquota regime forfetario, ma proroga del Superbonus

Arrivano dal sottosegretario all'economia Maria Cecilia Guerra, in risposta ad alcune interrogazioni parlamentari sollevate in Commissione finanze della Camera, chiarimenti in merito:

  • al possibile aumento dell’imposta sostitutiva del regime forfetario;

  • al riordino delle detrazioni edilizie;

  • al pagamento di una spesa detraibile con un c/c cointestato.

MEF: incremento imposta sostitutiva regime forfetario

La voce circolata nei giorni scorsi su un possibile aumento dell’imposta sostitutiva del regime forfetario dal 15% al 23%, viene definitivamente smentita.

Secondo il sottosegretario Mef: “l’ipotesi di incremento non rappresenta affatto una proposta di lavoro”.

Si ricorda che l’ipotesi rientra tra quelle discusse in un “dibattito teorico collegato alla possibilità di optare per un modello di tassazione duale dei redditi personali”.

Infatti, proprio sulla base del modello teorico della Dual income tax (Dit) discusso nelle audizioni parlamentari sulla riforma Irpef, era emerso che “qualora si volesse salvaguardare la semplificazione degli adempimenti prevista dal regime ma ricondurlo al sistema di Dual income tax “imperfetto” vigente in Italia, un disegno coerente dell’imposta dovrebbe suggerire di fissare l’aliquota dell’imposta sostitutiva al livello della prima aliquota dell ’Irpef “ invece del 15% (5% per le neo attività). Dunque, nulla di concreto: al momento un incremento dell'aliquota dal 15% al 23% per i lavoratori autonomi è escluso.

MEF: detrazioni edilizie e proroga Superbonus

A seguito di un quesito con il quale si chiedevano informazioni su misure di coordinamento semplificazione e stabilizzazione fino al 2023 del complesso dei bonus edilizi stratificatisi dal 1996 in poi, la risposta del sottosegretario Guerra evidenzia come sia “all'attenzione del governo un ulteriore intervento normativo di proroga dei menzionati bonus edilizi”.

A tal proposito, “dal punto di vista tecnico è valutata positivamente l'ipotesi di una revisione coordinata delle detrazioni fiscali che hanno finora prodotto buoni risultati ma si presentano come un complesso molto frammentato (superbonus, ecobonus, sismabonus, bonuscasa, bonus facciate, bonus mobili, bonus verde, bonus alberghi)”.

Circa la proroga del Superbonus 110%, si conferma l’apertura del Governo verso una proroga della superdetrazione: possibile che la proroga possa essere inserita nella legge di conversione al decreto Sostegni all'esame della commissione finanze del Senato o nelle disposizione in arrivo con il decreto Sostegni 2 atteso verso la fine di aprile o i primi di maggio.

MEF: con il conto cointestato spese detraibili

Facendo seguito ad un'interrogazione che richiamava una sentenza della Ctp di Perugia sulla detraibilità Irpef dei pagamenti effettuati da conto corrente cointestato, il MEF ha specificato che “l'onere può considerarsi sostenuto dal contribuente al quale è intestato il documento di spesa, non rilevando a tal fine l'esecutore materiale del pagamento, aspetto quest'ultimo che attiene ai rapporti interni fra le parti”.

Il MEF richiama anche una risposta dell’Agenzia delle Entrate, che riconosceva il diritto alla detrazione anche in un caso di pagamento effettuato tramite la carta bancomat intestata al figlio, per pagare le spese detraibili riferite alla madre, in quanto essa aveva “rimborsato in contanti la spesa sostenuta al figlio”.