Inps, novità del flusso Uniemens-CIG

Pubblicato il



Inps, novità del flusso Uniemens-CIG

Con il messaggio 21 giugno 2022, n. 2519, l’Istituto Previdenziale illustra l’evoluzione della struttura Uniemens in merito alle denunce nell’ambito della Gestione privata e del Pagamento diretto CIG e Fondi di solidarietà, relativamente ai periodi di competenza a decorrere da giugno 2022.

Le novità riguardano due ambiti di intervento:

  • il primo relativo al flusso Uniemens “standard” della Gestione privata e al flusso Uniemens-CIG (UNI41), relativo all’esposizione delle informazioni relative al Pagamento diretto CIG e Fondi di solidarietà, con la finalità di aumentare la capacità descrittiva della struttura <InfoAggCausaliContrib>;
  • il secondo relativo al flusso Uniemens-CIG (UNI41) relativamente alle modalità di esposizione dei conguagli degli Assegni per il Nucleo Familiare (ANF).

Novità strutturali “InfoAggCausaliContrib”

La struttura Uniemens “InfoAggCausaliContrib”, presente nella sezione “DatiRetributivi” di “DenunciaIndividuale” sarà aggiornata prevedendo:

  • l’introduzione dell’elemento “BaseRif”, di tipo Importo intero (stesso formato di “Imponibile” di “DatiRetributivi”. L’Inps, con successivi messaggi o circolari, aggiornerà di continuo le regole di esposizione del nuovo elemento nell’ambito delle denunce della Gestione privata. Il nuovo elemento potrà essere anche utilizzato in maniera esclusiva, indipendentemente da “ImportoRif”, in associazione a un determinato “CodiceCausale”;
  • l’introduzione dell’attributo ““TipoIdentMotivoUtilizzo” di “IdentMotivoUtilizzoCausale”, in grado di decodificare la tipologia di informazione presente in tale campo. Anche in tal caso, l’Inps provvederà a specificare, con successivi messaggi e successive circolari, le regole di esposizione e di utilizzo del nuovo attributo.

Esposizione degli ANF in Uniemens-CIG (UNI41)

Le denunce Uniemens-CIG (UNI41), con periodo di competenza da giugno 2022, dovranno esporre le informazioni sugli ANF nella struttura “InfoAggCausaliContrib”, già utilizzata nelle denunce Uniemens “standard”, in sostituzione dell’elemento “ImpANF” della sezione “PagDiretto”.

Il nuovo attributo “TipoIdentMotivoUtilizzo” della struttura Uniemens “InfoAggCausaliContrib” permette l’indicazione del ticket di riferimento e del codice fiscale del richiedente, in due elementi distinti “IdentMotivoUtilizzoCausale” e tipizzati tramite un apposito valore di “TipoIdentMotivoUtilizzo”.

Il codice da utilizzare in “TipoIdentMotivoUtilizzo” in corrispondenza del ticket esposto in “IdentMotivoUtilizzoCausale” è “TICKET_CIG_FONDI”.

Diversamente, il codice da utilizzare in corrispondenza del codice fiscale del richiedente l’ANF è “CF_PERS_FIS”.

Di seguito i codici da utilizzare in “CodiceCausale” di “InfoAggCausaliContrib” ai fini dell’esposizione dei conguagli degli ANF e delle relative restituzioni:

  • 0035 – ANF assegni correnti;
  • L035 – Recupero maggiorazioni ANF arretrati;
  • L036 – Recupero assegni nucleo familiare arretrati;
  • F110 – Restituz. Assegni nucleo famil. Indebiti;
  • F111 – Restituzione ANF Maggiorazioni Indebite.

L’Istituto specifica che:

  • le informazioni sul ticket e sul codice fiscale del richiedente sono obbligatorie;
  • l’importo ANF indicato nell’elemento “ImportoAnnoMeseRi”> è associato alla coppia “Ticket, Richiedente”.

Pertanto, se nel mese per cui si vuole esporre un certo importo di ANF corrente sono presenti due ticket per lo stesso lavoratore (e uno stesso richiedente), il datore di lavoro dovrà esporre due elementi “InfoAggCausaliContrib”:

  • uno con l’indicazione del primo ticket e la quota di ANF associata a quel ticket;
  • uno con l’indicazione del secondo ticket e la quota di ANF associata al secondo ticket.

Nel caso in cui esistono più richiedenti, dovranno essere esposti due elementi “InfoAggCausaliContrib” contenenti ognuno la quota di ANF associata a un richiedente ed entrambi riferiti allo stesso ticket;

Variazione importo ANF

Al fine di variare l’importo di un ANF già esposto nel flusso Uniemens di una competenza pregressa, sarà possibile:

  • reinviare la denuncia Uniemens di tale competenza (indicata nell’elemento “AnnoMeseDenuncia”), che andrà in sostituzione della stessa;
  • in alternativa, nella denuncia Uniemens del mese corrente, bisognerà indicare il periodo di riferimento pregresso nell’elemento “AnnoMeseRif”, la causale di conguaglio o di restituzione corretta e l’importo della sola variazione nell’elemento “ImportoAnnoMeseRif”.
Allegati