Fine luglio denso di versamenti di imposte e contributi Inps

Pubblicato il


Fine luglio denso di versamenti di imposte e contributi Inps

Alle porte l’appuntamento con il pagamento delle imposte derivanti dalle dichiarazioni dei redditi, Irap e Iva. L’adempimento, in scadenza il 31 luglio, riguarda i contribuenti non rientranti nella proroga fissata dal Decreto Crescita. Dovuti anche alcuni contributi Inps delle Gestioni separate.

Scadenza del 31 luglio per il pagamento delle imposte. Chi riguarda

Il pagamento delle suddette imposte, per chi non ricade nella proroga, vede l’imminente scadenza del 31 luglio 2019 che richiede la maggiorazione dello 0,4% a titolo di interesse (chi ha osservato il termine del 1° luglio 2019 non ha versato la maggiorazione).

Alcuni contribuenti tenuti all’onere sono:

  • i soggetti non esercenti attività d’impresa o di lavoro autonomo, neanche per trasparenza;
  • gli esercenti attività d’impresa o di lavoro autonomo per i quali non sono stati approvati gli Isa;
  • gli imprenditori agricoli titolari solo di reddito agrario;
  • coloro che hanno presentato il modello 730/2019, ma sono sprovvisti di un sostituto d’imposta che possa effettuare i conguagli.

Il termine del 31 luglio per il versamento delle imposte deve essere osservato anche dai soggetti IRES con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare che hanno approvato il bilancio 2018 a giugno 2019, ovvero a luglio 2019 in seconda convocazione, se non hanno i requisiti per beneficiare della proroga (non è dovuta la maggiorazione dello 0,4%). Per tali soggetti, la seconda opzione è la data del 30 agosto, che richiede l’applicazione della maggiorazione.

Pagamento delle imposte al 30 settembre. Gli interessati

Il Dl 34/2019 ha disposto lo slittamento al 30 settembre 2019 dei termini dei versamenti concernenti le dichiarazioni dei redditi, Irap e Iva. In particolare, ne sono interessati:

  • soggetti esercenti attività economiche per i quali è prevista l’applicazione degli Isa (Indici sintetici di affidabilità fiscale), con ricavi o compensi non superiori a 5.164.569 euro;
  • società, associazioni e imprese con i predetti requisiti e tenuti alla dichiarazione dei redditi per trasparenza (artt. 5, 115 e 116 del Tuir);
  • coloro che hanno aderito al regime forfetario o di vantaggio;
  • chi determina il reddito con altre tipologie di criteri forfetari o dichiara altre cause di esclusione dagli Isa.

Oggetto del versamento

Il versamento riguarda il saldo 2018 ed il primo acconto 2019 in relazione alle dichiarazioni dei redditi, Irap e Iva.

Il 31 luglio sono in scadenza anche i contributi Inps

Sempre la data del 31 luglio richiama l’attenzione sul pagamento del saldo 2018 e del primo acconto 2019 dei contributi dovuti alle Gestioni speciali dell’Inps, artigiani e commercianti, e alla Gestione separata dei liberi professionisti.

Anche qui, chi ha versato entro il 1° luglio non ha dovuto dare la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interessi.

Artigiani e commercianti versano un contributo minimo in base alle aliquote previste al reddito minimo imponibile stabilito annualmente (15.878 euro per il 2019). Il versamento va effettuato con F24 alle seguenti date: 16 maggio, 20 agosto, 18 novembre 2019 e 17 febbraio 2020.

I liberi professionisti, invece, devono versare un contributo che varia in base alle diverse aliquote da applicare al reddito prodotto. Anche i professionisti sono tenuti ad avvalersi dell’F24, suddividendo un saldo ed un acconto.

Si ricorda che la maggiorazione dello 0,40% è dovuta in modo separato dai contributi. Le causali contributive da indicare nel modello F24 sono: “API” per gli artigiani, “CPI” per i commercianti, “DPPI” per i professionisti.

Allegati Anche in
  • eDotto.com – Edicola del 1 luglio 2019 - Proroga per i versamenti ISA, rientrano anche minimi e forfetari – Pichirallo