Contributo a fondo perduto startup: è tempo di inviare le domande

Pubblicato il


Contributo a fondo perduto startup: è tempo di inviare le domande

E’ stato individuato, dall’Agenzia delle Entrate, il lasso temporale utile per effettuare la presentazione dell’istanza del contributo a fondo perduto startup, ai sensi dell’articolo 1-ter del Dl n. 41/2021 (Decreto Sostegni): dal 9 novembre al 9 dicembre 2021.

E’ stato pubblicato pochi giorni fa il decreto Mef datato 10 settembre 2021 contenente le disposizioni attuative del beneficio; si rimandava ad un successivo provvedimento delle Entrate l’indicazione del termine per presentare l’istanza.

Contributo a fondo perduto per startup

Tale aiuto riguarda i soggetti che hanno attivato la partita Iva tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2018 e la cui attività d’impresa – come da risultanze del Registro delle imprese tenuto presso la Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura – è iniziata tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2019.

Il beneficio è riservato ai soggetti che non hanno potuto accedere al contributo di cui all’art. 1 del Sostegni in quanto privi del requisito del calo minimo del 30% tra la media mensile del fatturato e corrispettivi dell’anno 2019 e l’analogo valore dell’anno 2020.

Inoltre, i ricavi e i compensi conseguiti nel 2019 (soggetti solari) non devono superare l’importo di 10 milioni di euro.

Per ogni soggetto il cfp può essere di un importo massimo pari a 1.000 euro.

Come si trasmette l’istanza

Con provvedimento prot. 305784 dell’8 novembre 2021 (pubblicato il 9/11), l’Agenzia delle Entrate ha fornito le istruzioni per presentare l’apposita istanza di richiesta del cfp.

Nell’istanza, tra le altre cose, va indicato:

  • che i ricavi o compensi del secondo periodo di imposta antecedente a quello di entrata in vigore del decreto non sono superiori a 10 milioni di euro;
  • che al richiedente non spetta il contributo previsto dall’art. 1, del Dl n .41/2021;
  • la scelta irrevocabile di utilizzare l’importo del contributo come credito d’imposta oppure avere il versamento diretto della somma.

Vanno anche rese le dichiarazioni in relazione all’eventuale superamento dei limiti degli aiuti di Stato rispetto a quelli ricevuti fino al momento della presentazione dell’istanza dal soggetto richiedente e, nel caso in cui il soggetto faccia parte di impresa unica, dagli altri soggetti facenti parte di tale impresa, nonché alla sussistenza degli ulteriori requisiti definiti dalle sezioni 3.1 e 3.12 del Quadro temporaneo aiuti di Stato.

Il provvedimento agenziale 305784/2021 contiene in allegato il modello "Istanza per il riconoscimento del contributo a fondo perduto decreto Sostegni - Contributo start-up”, accompagnato dalle istruzioni.

L’istanza deve essere predisposta in modalità elettronica esclusivamente mediante il servizio web disponibile nell’area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi”, sul sito dell’Agenzia delle entrate.

La trasmissione deve avvenire dal 9 novembre al 9 dicembre 2021.

E’ possibile inoltrare una nuova istanza sostitutiva entro il 9 dicembre 2021. Entro la stessa data è possibile inviare una rinuncia, se il contributo richiesto non è spettante.

Dopo il 9 dicembre 2021, l’Agenzia avvierà i controlli sulle informazioni contenute nelle istanze prese in carico: se l’esito è negativo, viene data comunicazione dei motivi dello scarto.

Se l’importo complessivo dei contributi richiesti con tutte le istanze validamente elaborate risulterà superiore ai fondi stanziati, l’Agenzia determinerà la percentuale di ripartizione proporzionale e procederà alla conseguente emissione dei mandati di pagamento e al riconoscimento dei crediti d’imposta.

L’Agenzia comunica l’avvenuto mandato di pagamento del contributo nell’area del portale “Fatture e Corrispettivi” – sezione “Contributo a fondo perduto - Consultazione esito”, accessibile al soggetto richiedente ovvero al suo intermediario delegato.

Allegati