Registro, donazioni e imposta immobiliare piattaforme marine, pronti i codici tributo

Pubblicato il



Registro, donazioni e imposta immobiliare piattaforme marine, pronti i codici tributo

Nuovi codici tributo sono stati istituiti dall’Agenzia delle Entrate con le risoluzioni nn. 76 e 77 del 2 dicembre 2020.

Si tratta rispettivamente, dei codici tributo per:

  • il versamento, tramite modello F24, delle somme dovute in relazione alla registrazione degli atti pubblici e delle scritture private autenticate, nonché all’imposta sulle donazioni, nei casi di registrazione presso gli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate;

  • il versamento, tramite modello F24, dell'imposta immobiliare sulle piattaforme marine.

Atti pubblici, scritture private e imposta sulle donazioni: pronti i codici tributo per il Mod F24

Con il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 27 novembre 2020, in attuazione di quanto sancito nel decreto Mef dell’8 novembre 2011, sono state estese le modalità di versamento unificato mediante modello F24 anche alle somme dovute in relazione alla registrazione degli atti pubblici e delle scritture private autenticate e all’imposta sulle donazioni nei casi di registrazione degli atti presso gli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate.

Per consentire il versamento delle suddette somme (tributi e relativi interessi, sanzioni e accessori), tramite modello F24, l’Agenzia, con la risoluzione n. 76/E/2020, ha istituito i seguenti codici tributo:

  • 1560, “ATTI PUBBLICI - Imposta di registro

  • 1561, “ATTI PUBBLICI - Sanzione pecuniaria imposta di registro - Ravvedimento

  • 1562, “ATTI PUBBLICI - Imposta di bollo

  • 1563, “ATTI PUBBLICI - Sanzione imposta di bollo - Ravvedimento

  • 1564, “ATTI PUBBLICI - Interessi

  • 1565, “ATTI PUBBLICI - Imposta ipotecaria

  • 1566, “ATTI PUBBLICI - Imposta catastale

  • 1567, “ATTI PUBBLICI - Tassa ipotecaria

  • 1568, “ATTI PUBBLICI – Sanzione imposte ipotecarie e catastali - Ravvedimento

  • 1569, “Imposta sulle donazioni

  • 1570, “Sanzione imposta sulle donazioni – Ravvedimento”.

In sede di compilazione del modello F24, i suddetti codici tributo sono esposti nella sezione “Erario”, esclusivamente in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”, con l’indicazione nel campo “anno di riferimento” dell’anno di formazione dell’atto, nel formato “AAAA”.

Ma non basta; con la stessa risoluzione per consentire il versamento, tramite modello F24, delle somme dovute a seguito degli avvisi di liquidazione emessi dagli uffici dell’Agenzia delle entrate, è istituito il nuovo codice tributo “A198” per l’imposta sulle donazioni.

Per le restanti somme, invece, sono utilizzati i vigenti codici tributo istituiti con le precedenti risoluzioni n. 16/E/2016, n. 57/E/2018, n. 9/E/2020 e n. 73/E/2020, che sono stati appositamente ridenominati.

L’Agenzia, infine, ricorda che:

  • le spese di notifica relative ai suddetti avvisi sono versate con il vigente codice tributo “9400 – spese di notifica per atti impositivi”;

  • i nuovi codici tributo saranno operativi a decorrere dal 7 dicembre 2020.

Piattaforme marine: dall’Agenzia il codice tributo per l'imposta immobiliare

Con la risoluzione n. 77/E/2020, sempre di ieri, invece, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per il versamento dell’imposta immobiliare sulle piattaforme marine.

Si tratta del codice “3970” denominato “IMPi - Imposta immobiliare sulle piattaforme marine – STATO”.

Si precisa che, in caso di ravvedimento, le sanzioni e gli interessi sono versati unitamente all’imposta dovuta.

La suddetta imposta è stata prevista dall’articolo 38 del Dl n. 124/2019 collegato fiscale alla Legge di Bilancio 2020, in sostituzione di ogni altra imposizione immobiliare locale ordinaria sugli stessi manufatti.

Si rammenta che in base all'articolo 2 del Codice della navigazione, per piattaforma marina si intende quella con struttura emersa destinata alla coltivazione di idrocarburi e sita entro i limiti del mare territoriale.

A partire dal 2020, dunque, è istituita l’IMPi, che è calcolata ad aliquota pari al 10,6 per mille, ed è riservata allo Stato la quota di imposta calcolata applicando l’aliquota pari al 7,6 per mille.

Limitatamente all’anno 2020, il versamento della suddetta imposta è effettuato in un’unica soluzione, entro il prossimo 16 dicembre allo Stato, che provvederà all'attribuzione del gettito di spettanza comunale.

Nella risoluzione n. 77/2020 si specifica, infine, che per quanto riguarda la compilazione del modello F24, il codice tributo deve essere indicato nella sezione “IMU E ALTRI TRIBUTI LOCALI, in corrispondenza delle somme indicate solo nella colonna “importi a debito versati”.

Allegati