NASpI e DIS-COLL rilevano ai fini del Bonus Renzi

Pubblicato il



La Legge n. 190/2014 ha stabilizzato il c.d. bonus di 80 euro per cui l’INPS, con messaggio n. 2946 del 29 aprile 2015, è tornato sulla questione per fornire nuove istruzioni.

In particolare l’Istituto ha chiarito che, in considerazione delle novità introdotte dal Jobs Act e dal D.Lgs. n. 22/2015, ai fini del calcolo del bonus rileveranno le nuove prestazioni NASpI (indennità di disoccupazione per i lavoratori dipendenti) e DIS-COLL (indennità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati).

Ai fini del bonus fiscale, per tali prestazioni trovano applicazione le disposizioni già impartite per le indennità di disoccupazione ASPI e mini ASPI con la circolare n. 67/2014.

Riemissione in pagamento del credito per la riduzione del cuneo fiscale

Specifica l’INPS che, mentre le rate del bonus del 2015 erogate tramite la procedura accentrata dei pagamenti e riaccreditate sulla base del flusso telematico di rendicontazione, fornito da Banca d’Italia, possono essere rimesse in pagamento, non è possibile rimettere in pagamento le rate del bonus relative all’anno 2014, riaccreditate nel 2015.

Il contribuente potrà recuperare le somme spettanti e non percepite in sede di dichiarazione reddituale 2014.
Allegati Links Anche in
  • Il Sole 24 Ore - Norme e Tributi, p. 51 - Bonus 80 euro, per il calcolo valgono Naspi e Dis-Coll - Braghin