Mini Imu, il Ministero risponde ai dubbi

Pubblicato il


Il Ministero dell'economia e delle finanze fornisce dalle pagine del proprio sito risposte alle domande formulate per la corretta applicazione della mini Imu, il cui termine di versamento è stato fissato al 24 gennaio 2014.

Si precisa che i codici tributo da utilizzare sono gli stessi già previsti e utilizzati negli anni 2012 e 2013.

Per i versamenti minimi sono valide le regole ordinarie, che prevedono l'importo minimo di euro 12 o il diverso importo previsto dal regolamento del Comune.

Si chiarisce che non esiste per i tributi locali un importo minimo per la riscossione coattiva, secondo la modifica apportata dalla legge di stabilità n. 147/2013.

Nel quinto quesito si fornisce il dettaglio delle modalità di compilazione del modello F24.

Il Ministero scende inoltre nel dettaglio spiegando come deve essere effettuato il calcolo della mini Imu per gli immobili appartenenti a personale in servizio alle forze armate, per i quali non è stato richiesto il versamento della sola seconda rata ed inoltre in merito al calcolo per i terreni agricoli non posseduti e condotti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali per i quali non è stata versata la prima rata 2013.

APPROFONDIMENTO
Allegati Links