Dl crisi d’impresa: sì della Camera alla conversione

Pubblicato il



Dl crisi d’impresa: sì della Camera alla conversione

Nella seduta antimeridiana del 21 ottobre 2021, la Camera ha dato il proprio via libera al disegno di legge di conversione, con modificazioni, del DL sulla crisi d’impresa (n. 118/2021).

Il provvedimento, già approvato dal Senato, è legge.

Misure urgenti su crisi d'impresa e risanamento aziendale

Tra le misure urgenti in materia di crisi d'impresa e di risanamento aziendale si segnalano:

  • il differimento al 16 maggio 2022 dell'entrata in vigore del Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza;
  • la proroga, alla data di approvazione dei bilanci relativi all'esercizio 2022, del termine per procedere alla prima nomina del revisore o degli organi di controllo da parte di talune società a responsabilità limitata e società cooperative;
  • l’introduzione e la disciplina del nuovo istituto della composizione negoziata per la soluzione della crisi d'impresa, teso al superamento della situazione di squilibrio dell'impresa prima che si arrivi all'insolvenza, attraverso il coinvolgimento di un professionista esperto che affianca l'imprenditore e con previsione di misure protettive e agevolazioni fiscali;
  • la disciplina del concordato liquidatorio"semplificato", al quale l'imprenditore può ricorrere se non sia possibile effettuare una composizione negoziata e intenda procedere alla liquidazione del patrimonio con cessione dei beni;
  • la previsione di specifiche disposizioni in materia di procedure di amministrazione straordinaria delle grandi imprese insolventi;
  • la modifica della disciplina del concordato preventivo e degli accordi di ristrutturazione dei debiti per quel che concerne, in particolare, l'omologazione;
  • l’estensione a due anni, per il concordato con continuità aziendale, della durata della moratoria per il pagamento dei creditori muniti di privilegio, pegno o ipoteca, eventualmente prevista dal piano di concordato;
  • l'inserimento, nella legge fallimentare, della disciplina degli accordi di ristrutturazione ad efficacia estesa, della nuova disciplina della convenzione in moratoria e degli accordi di ristrutturazione agevolati, la cui applicabilità viene quindi anticipata rispetto a quanto previsto dal Codice della crisi d'impresa.

Misure urgenti Giustizia:

Il decreto legge in conversione contiene anche misure urgenti in materia di giustizia, tra le quali:

  • l’aumento di 20 unità del ruolo organico del personale della magistratura ordinaria;
  • una procedura speciale per il reclutamento di magistrati ordinari in tirocinio per la copertura di 500 posti vacanti nell'organico della magistratura;
  • disposizioni volte ad accelerare, attraverso la digitalizzazione, le procedure di pagamento degli indennizzi per equa riparazione e delle altre somme dovute sulla base di titoli giudiziali;
  • una disciplina derogatoria, valida solo per il 2021, in materia di assegnazione delle risorse del Fondo Unico Giustizia.
Allegati