Audizione del richiedente protezione non sempre necessaria

Pubblicato il


Audizione del richiedente protezione non sempre necessaria

Nell’ambito dei procedimenti di protezione internazionale, il giudice, in assenza della videoregistrazione del colloquio svoltosi dinnanzi alla Commissione territoriale, è tenuto a fissare l’udienza di comparizione ma non è obbligato anche a disporre l’audizione del ricorrente, a meno che:

  • nel ricorso vengano dedotti fatti nuovi a sostegno della domanda;
  • il giudice ritenga necessaria l’acquisizione di chiarimenti in ordine alle incongruenze o alle contraddizioni rilevate nelle dichiarazioni del richiedente;
  • quest’ultimo nel ricorso non ne faccia istanza, precisando gli aspetti in ordine ai quali intende fornire i predetti chiarimenti, e sempre che la domanda non venga ritenuta manifestamente infondata o inammissibile.

Questo il principio di diritto enunciato dalla Prima sezione civile della Corte di cassazione nel testo di due sentenze da ultimo emanate, n. 22098 del 13 ottobre 2020 e n. 21584 dell’8 ottobre 2020.

Allegati