Stabilità 2014, puntuale il parere della Fondazione Studi

Pubblicato il


La Fondazione Studi dei consulenti del lavoro non manca all’appuntamento con le novità normative fresche di ratifica.

Con la circolare n. 1 del 13 gennaio 2014, viene indagata la legge di Stabilità 2014, legge 147 del 2013, con riferimento ai riflessi su lavoratori e imprese.

Ricca di riferimenti normativi, tabelle ed esempi la circolare commenta le novità, o le mancate novità, recate. Ad esempio, “conti alla mano” si rilevano le incoerenze del taglio del cuneo fiscale, con il calcolo del “netto in busta” che risulta dalle modifiche.

Il documento si occupa anche di spiegare il superamento della questione di legittimità, espressa dalla Consulta, in merito al contributo di solidarietà applicato temporaneamente sulle pensioni molto alte e scollegate dalla contribuzione versata. La illegittimità della norma dovrebbe essere superata, da qui il tentativo di ripristino, dal fatto di far confluire il gettito non più alla finanza pubblica nel suo complesso, ma alle competenti gestioni previdenziali al fine di fronteggiare le uscite necessarie per l’estensione della platea dei soggetti salvaguardati.

Alla luce dei fatti viene espresso anche il parere sull’utilità dei vari provvedimenti.

Benché la legge di Stabilità sia in vigore, diverse disposizioni saranno applicabili solo dopo l’emanazione di decreti attuativi ad hoc. Nella circolare una tabella riporta le date di entrata in vigore delle norme recate dai commi dell’unico articolo della legge o, in alternativa, il documento che le attuerà.
Allegati Links