Rottamazione-ter. Scadenza rate

Pubblicato il

In questo articolo:


Rottamazione-ter. Scadenza rate

La fine del mese di febbraio coincide con la scadenza della rata di versamento per coloro che hanno aderito alla rottamazione-ter. Lo comunica l’Agenzia delle Entrate-Riscossione.

I contribuenti che hanno presentato domanda entro il 30 aprile e 31 luglio 2019 sono chiamati, entro il 28 febbraio 2020, al pagamento, rispettivamente, della terza e della seconda rata.

Coloro che per gli stessi carichi avevano fatto richiesta della “rottamazione-bis”, ma non hanno pagato, entro il 7 dicembre 2018, le rate di luglio, settembre e ottobre 2018, sono stati ammessi a versare fino a un massimo di 9 rate consecutive di pari importo (3 anni): la seconda rata scade anch’essa il 28 febbraio prossimo.

Gli appuntamenti con le rate successive saranno: il 31 maggio, il 31 luglio e il 30 novembre di ciascun anno.

Per il pagamento vanno utilizzati i bollettini allegati alla “Comunicazione delle somme dovute”.

Se il piano di rateazione è stato suddiviso in più di dieci rate, il contribuente ha ricevuto i primi 10 bollettini; prima della scadenza dell’undicesima rata, l’Agenzia delle Entrate-Riscossione invierà gli ulteriori bollettini da utilizzare per i pagamenti successivi.

Il mancato o ritardato pagamento di una rata comporta l’omesso perfezionamento dell’istituto della rottamazione-ter. I versamenti effettuati oltre i termini di scadenza della rata, andranno come acconti sulle somme complessivamente dovute.

Rottamazione-ter. Pagamento

La rata può essere pagata online utilizzando il Bollettino Rav o il Modulo pagoPA, allegati ai documenti ricevuti, attraverso:

  • il servizio “Paga online” sul sito AdER e sull’App Equiclick;
  • i canali telematici delle banche, di Poste Italiane e di tutti gli altri Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) aderenti al nodo pagoPA.

E’ anche possibile versare il dovuto presso gli sportelli dell’Agenzia.

Anche in
  • edotto.com – Edicola del 9 dicembre 2019 - Rottamazione-ter e saldo e stralcio, ultima chiamata per chi ha beneficiato della tolleranza – Moscioni