Rivalutazione degli importi per la liquidazione delle rendite Inail

Pubblicato il



Rivalutazione degli importi per la liquidazione delle rendite Inail

A seguito di infortunio sul lavoro o malattia professionale, che abbia causato un’invalidità temporanea o permanente, al lavoratore viene riconosciuto un indennizzo, c.d. danno biologico.

Il Decreto Legislativo 23 febbraio 2000, n. 38, modificato dall’art. 2, comma 114, Decreto Legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito con modificazioni dalla Legge 24 novembre 2006, n. 286, ha disposto, con effetto dall’anno 2000 e con decorrenza dal 1° luglio di ciascun anno, la rivalutazione annuale della retribuzione di riferimento per la liquidazione delle rendite corrisposte dall’Inail.

In particolare, l’art. 11 del predetto Decreto subordina la rivalutazione a una variazione minima del 10% dell’indice dei prezzi al consumo.

Sulla base delle rilevazioni effettuate, la variazione dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati per il 2018 è risultato pari a 102,1 e per il 2019 pari a 102,6, registrando una variazione dello 0,5%.

In considerazione di quest’ultima rilevazione, il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, con Decreto ministeriale 25 marzo 2021, n. 60, dispone che a decorrere dal 1° luglio 2020 la rivalutazione annuale della retribuzione di riferimento ai fini della liquidazione delle rendite Inail è pari allo 0,5%.

Allegati