Liquidatori imprese sociali, nuovi criteri per il compenso

Pubblicato il



Liquidatori imprese sociali, nuovi criteri per il compenso

Sono stati individuati i criteri e le modalità di remunerazione dei commissari liquidatori e dei membri dei comitati di sorveglianza nelle procedure di liquidazione coatta amministrativa delle imprese sociali non aventi la forma di società cooperativa (ex articolo 14, comma 3 del decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 112).

Il compenso del commissario liquidatore è a totale carico della liquidazione, è imputato in prededuzione alle spese di procedura e, in ogni caso, non può essere inferiore a euro 2.500,00.

A recarli il decreto 26 agosto 2020 emanato dal ministero del Lavoro, di concerto con il Mef, e ospitato nella Gazzetta Ufficiale 244 del 2 ottobre 2020.

Le disposizioni si applicano alle liquidazioni coatte amministrative disposte successivamente all'entrata in vigore del decreto, fissata nel quindicesimo giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. Pertanto, per le procedure avviate antecedentemente al 17 ottobre 2020 continua a trovare applicazione il Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del 3 novembre 2016.

A decorrere dalla data di entrata in vigore del decreto è abrogato il decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali 11 novembre 2016.

Allegati