Irregolare tenuta del conto cassa? Non basta per l’accertamento

Pubblicato il


Irregolare tenuta del conto cassa? Non basta per l’accertamento

L’inattendibilità della contabilità del professionista non può essere desunta solo sulla base di un'irregolare tenuta del conto cassa, che è una registrazione contabile facoltativa, non obbligatoria.

La Corte di cassazione ha accolto le ragioni avanzate da un notaio contro la decisione con cui la CTR aveva confermato un avviso di accertamento per Irpef e Irap, spiccato a suo carico.

Il contribuente, tra gli altri motivi, si era lamentato che i giudici tributari avessero ritenuto inattendibile la sua contabilità, quale esercente attività professionale, esclusivamente in considerazione di alcune irregolarità rilevate nel conto cassa dallo stesso tenuto.

Gli Ermellini, con ordinanza n. 29182 del 20 ottobre 2021, hanno giudicato fondata tale specifica doglianza, dopo aver evidenziato come la tipologia di accertamento esperito fosse di tipo induttivo "puro" e non analitico - induttivo.

Contabilità esercenti arti e professioni: quando può dirsi inattendibile?

La Suprema corte, in proposito, ha fatto riferimento all’art. 2 del DPR n. 570/1996, rubricato "Inattendibilità della contabilità degli esercenti arti e professioni".

Tale disposizione indica, espressamente, quando la contabilità ordinaria degli esercenti arti e professioni è considerata inattendibile, vale a dire laddove:

  • i valori rilevati a seguito di ispezioni o verifiche, anche parziali, compresi quelli dei beni, abbiano uno scostamento, rispetto a quelli indicati in contabilità, superiore al 10 % del valore complessivo delle voci interessate;
  • non risultano indicati in alcuna delle scritture contabili o, in mancanza dell'obbligo di indicazione nelle stesse, in altra documentazione attendibile, uno o più beni strumentali, diversi dagli immobili utilizzati nell'attività il cui valore complessivo sia superiore al 10 % di quello di tutti i beni strumentali utilizzati, esclusi i menzionati immobili;
  • sono impiegati lavoratori dipendenti che non risultano iscritti nei libri da tenere ai fini della legislazione sul lavoro e per i quali è scaduto il primo termine utile per il versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali dovuti, o altri addetti, diversi dai familiari che prestano attività occasionale, il cui rapporto non risulta dalle scritture contabili o da altra attendibile documentazione rinvenuta nel luogo di conservazione delle scritture contabili.

L'irregolarità nel conto cassa non giustifica l’atto impositivo

Nella norma non è affatto riportata la irregolare tenuta del conto cassa, che peraltro costituisce comunque registrazione contabile facoltativa, la cui tenuta è consentita al contribuente per esigenze di controllo e gestione interna.

La relativa risultanza – ha continuato la Corte - va valutata, semmai, nel complesso delle risultanze contabili ed extracontabili in atti, ai fini di ritenere o meno attendibili le scritture, ma dal suo contenuto non può, sic et simpliciter, ritenersi privo di attendibilità l'intero impianto delle registrazioni contabili obbligatorie e delle loro conseguenti evidenze.

Allegati