Diffida e costituzione in mora per l’INPS

Pubblicato il



Diffida e costituzione in mora per l’INPS

Continua la querelle fra i Consulenti del Lavoro e l’INPS.

L’ultimo atto è la formale diffida e costituzione in mora da parte dell'ANCLSU all'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (Prot. n. 1751/Pres.) inviato il 29 ottobre 2015 a seguito dei disservizi che si sono verificati nelle giornate del 28 e 29 ottobre 2015 e che hanno impedito di ottenere:

  • il DURC on-line;
  • il rilascio del codice aut. 4R per il regime de minimis per assunzione apprendisti;
  • la registrazione e l’attivazione di voucher INPS;
  • tutti gli altri servizi telematici.

Chiarisce l’Associazione che, poiché l’Istituto ha informatizzato tutte le procedure non permettendo l’assolvimento in maniera diversa degli adempimenti di legge a carico delle imprese, ogni inadempienza eventualmente intervenuta in tali giornate o in altri giorni in cui i servizi telematici INPS abbiano avuto anche brevi periodi di malfunzionamento, non potrà minimamente essere addebitata alle aziende né produrre alcun tipo di addebito o di sanzione o, comunque, conseguenza negativa a loro carico.

Anche in
  • eDotto.com - Edicola del 30 ottobre 2015 - CdL Vs INPS: interruzione di pubblico servizio per il blocco dei servizi telematici – Redazione eDotto