Dichiarazioni 2021, online le bozze del mod. 730, 770, IVA e CU

Pubblicato il



Dichiarazioni 2021, online le bozze del mod. 730, 770, IVA e CU

Dal 23 dicembre 2020 è disponibile nella sezione “Modelli” del sito web dell’Agenzia delle Entrate la modulistica per le dichiarazioni 2021.

Ad essere pubblicati per prima i modelli di dichiarazione 730, 770, IVA e Certificazione Unica.

Si tratta ovviamente delle bozze, versone non definitiva, con le relative istruzioni, che inglobano tutte le novità di quest’anno, dal Superbonus 110%, al trattamento integrativo, fino alle misure anti-Covid.

Modello 730/2021

Il Modello dei redditi per pensionati e lavoratori dipendenti recepisce tutte le novità normative che riguardano l’anno d'imposta 2020.

In particolare, nel modello rientrano tutte le numerose misure che sono state pensate per far fronte all’emergenza sanitaria in corso. Pertanto vi confluiscono:

  • il trattamento integrativo per i redditi da lavoro dipendente e assimilati;

  • il Superbonus al 110%;

  • la detrazione delle spese per il rifacimento delle facciate degli edifici;

  • la detrazione d’imposta per erogazioni liberali a sostegno delle misure di contrasto dell'emergenza Covid-19;

  • il bonus vacanze;

  • il credito d’imposta per l’acquisto di monopattini elettrici e servizi per la mobilità elettrica.

Riguardo proprio al Superbonus al 110%, per gestire il debutto della nuova detrazione nel modello grafico, la scelta operata dall’Agenzia delle Entrate è stata quella di mantenere invariata la struttura della sezione legata ai bonus degli immobili, aggiungendo solo una nuova casella all’interno delle sezioni “spese per interventi di recupero edilizio” e “spese per interventi di risparmio energetico e superbonus” da barrare al fine di veicolare la detrazione con la percentuale maggiorata.

È stato, invece, inserito lo specifico codice 15 per il “bonus facciate”, da indicare nella colonna 2 dei righi da E41 a E43.

Sempre nel modello relativo al periodo d’imposta 2020, debutta anche la detrazione nella misura del 19% degli oneri collegata al pagamento con versamento bancario o postale ovvero altri sistemi di pagamento tracciabili.

Tale disposizione, però non si applica:

  • alle detrazioni spettanti in relazione alle spese sostenute per acquistare medicinali e dispositivi medici;

  • alle detrazioni per prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche o da strutture private accreditate al servizio sanitario nazionale.

Certificazione Unica 2021

Anche il modello di CU 2021, pubblicato in bozza ieri, ricomprende le novità fiscali che hanno debuttato quest’anno, come, per esempio, il trattamento integrativo di 100 euro e l’ulteriore detrazione per i redditi di lavoro dipendente e assimilati.

Da segnalare, inoltre, anche il nuovo termine unificato del 16 marzo 2021 entro cui le CU devono essere trasmesse telematicamente all’Amministrazione finanziaria, nonché consegnate o trasmesse al percipiente.

Dal decreto Agosto (articolo 97-bis, Dl 104/2020 ) arriva la novità di destinazione del 2 per mille dell’Irpef in favore delle associazioni culturali iscritte in un apposito elenco presso la presidenza del Consiglio dei ministri.

La novità più importante riguarda il campo delle detrazioni, soprattutto a seguito dell’introduzione – a partire dal 1° luglio 2020 - del trattamento integrativo e dell’ulteriore detrazione, che è entrata in vigore con la contestuale abrogazione del bonus Renzi.

Nei punti 13 e 14, il sostituto dovrà suddividere i giorni per i quali si sono maturate tali misure tra primo (massimo 181 giorni) e secondo semestre (massimo 184 giorni).

Una nuova sezione è dedicata al trattamento integrativo, che è simile a quella in precedena usata per il bonus Renzi degli 80 euro, con alcune particolarità dedicate al recupero dell’importo indebito, che può avvenire in un’unica soluzione in sede di conguaglio o a rate, con l’obbligo di indicare anche l’importo da trattenere post conguaglio.

Nel caso in cui, il sostituto d’imposta, per riconoscere il bonus Renzi oppure il trattamento integrativo, si sia avvalso della clausola di salvaguardia che consente di derogare alla regola della capienza dell’imposta in presenza di redditi ridotti da cassa integrazione o congedo Covid, dovrà specificare – nell’apposita sezione - sia il reddito effettivo erogato sia il reddito contrattuale che sarebbe spettato in assenza di Cig e/o di congedo, tenendo conto, in caso di conguaglio cumulativo, anche di quanto erogato dai precedenti sostituti.

Per i redditi oltre 28mila e fino a 40mila, l’ulteriore detrazione spettante deve essere esposta nel punto 368.

Modello IVA/2021

Il Modello Iva per l’anno d’imposta 2020 presenta, tra le novità più importanti:

  • la riduzione dell’aliquota per le cessioni di beni necessari per il contenimento e la gestione dell'emergenza Covid-19;
  • l’estensione del regime forfetario all’attività di oleoturismo;
  • alcune modifiche alla disciplina delle prestazioni di servizi di telecomunicazione, teleradiodiffusione ed elettronici rese a committenti non soggetti passivi.

Introdotte, inoltre, alcune semplificazioni in materia di dichiarazioni d’intento: i fornitori di esportatori abituali, infatti, non dovranno più riportare i dati delle lettere d’intento ricevute.

Pertanto, nel nuovo modello è stato eliminato il quadro VI in cui dovevano essere indicati il numero di partita IVA del cliente esportatore abituale, oltre che il numero di protocollo attribuito dall’Agenzia delle Entrate alla dichiarazione di intento trasmessa in via telematica.

Modello 770/2021

Nella bozza del 770, come si legge nel comunicato stampa dell’Agenzia del 23 dicembre 2020, sono state inserite nuove informazioni sul credito derivante dall’erogazione del trattamento integrativo e delle somme premiali per il lavoro prestato nel mese di marzo 2020, nonché in caso di restituzione di somme non spettanti al datore di lavoro.

Sono state aggiornate anche le istruzioni sull’erogazione dei dividendi distribuiti alle società semplici; mentre nei prospetti riepilogativi sono inseriti nuovi codici per la gestione della tardività dei versamenti, come mezzo di contrasto all’emergenza Covid-19.

Allegati