Decreto Ristori, sgravio per apprendisti anche nel 2021

Pubblicato il



Decreto Ristori, sgravio per apprendisti anche nel 2021

Via libera allo sgravio contributivo per apprendisti anche per il 2021. L’esonero, della durata pari a 36 mesi, riguarda nello specifico le aziende fino a 9 addetti ed esclusivamente i soggetti assunti con il contratto di apprendistato di primo livello. Si tratta, in sostanza dell’apprendistato duale finalizzato al conseguimento della qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore.

La proroga, anche per l’anno prossimo, dell’esonero contributivo è stata introdotta da un emendamento apportato alla legge di conversione del D.L. n. 137/2020 (cd. “Decreto Ristori”).

Apprendistato duale, cos’è?

Si ricorda che l’apprendistato duale è una tipologia di contratto a causa mista che prevede la concomitanza di istruzione e formazione professionale. In sostanza, si tratta della possibilità di far entrare dei lavoratori in azienda permettendo loro di conciliare lavoro e formazione professionale di concerto con le istituzioni formative che operano nell’ambito dei sistemi regionali di istruzione e formazione.

Apprendistato duale, incentivi contributivi

La Legge di Bilancio 2020 (L. n. 160/2019) all’art. 1, co. 18 ha previsto un esonero totale dai contributi previdenziali per le aziende che hanno alle proprie dipendenze un numero di lavoratori pari o inferiore a 9. Quest’ultimi, a decorrere dal 1° gennaio 2020 e fino al 31 dicembre 2020 (ora prorogato fino al 31 dicembre 2021), possono inserire nell’organico aziendale apprendisti senza pagare i contributi INPS per i primi tre anni.

L’esonero, però, non è operativo per tutte e tre le tipologie d’apprendistato ma unicamente per quelli cd. “di primo livello”, ossia per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore.

Lo sgravio contributivo è pari al 100% dei contributi totali dovuti dal datore di lavoro. In altre parole viene azzerata l’aliquota del 10%, prevista dall’art. 1, co. 773, della L. n. 296/2006, per i primi tre anni di contratto. Quindi, per i primi 36 mesi dall’assunzione il datore di lavoro versa esclusivamente l’1,61% a titolo di contribuzione NASpI.

Dal quarto anno, invece, riprende la normale contribuzione che prevede un’aliquota dell’11,61% (10% + 1,61%). Laddove l’azienda abbia almeno 9 dipendenti, i datori di lavoro potranno godere solamente di uno sgravio contributivo di 5 punti percentuali sull’aliquota del 10%, come previsto dalla L. n. 296/2006.

Apprendistato duale, il requisito dimensionale

Riguardo al requisito dimensionale, si ricorda che nel computo della forza aziendale vanno ricompresi:

  • i lavoratori subordinati;
  • i lavoratori a domicilio e i lavoratori assenti.

Gli eventuali sostituti vanno esclusi. I lavoratori a tempo parziale vanno considerati pro quota. Mentre gli intermittenti sono computati in relazione alle giornate di lavoro svolte nel semestre precedente. Sono, invece, fuori dal conteggio gli apprendisti e i lavoratori somministrati.

Allegati Links