Credito per aumento capitale delle società: istanze da giugno

Pubblicato il



Credito per aumento capitale delle società: istanze da giugno

Il Decreto Rilancio, articolo 26, concede due crediti d’imposta per rafforzare il patrimonio delle imprese di medie dimensioni: scaduto (il 3 maggio) quello riguardante i conferimenti in società, è ora il turno di quello delle società che aumentano il capitale.

Si comunica che l’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile, il 25 maggio, il software ‘CreditoRafforzamentoPatrimoniale’ per la compilazione del modello, versione 2.0.0.

Credito d’imposta per aumenti di capitale

Dopo che è stato approvato il bilancio per l’esercizio 2020, è possibile accedere al credito d’imposta pari al 50 per cento delle perdite eccedenti il 10 per cento del patrimonio netto, al lordo delle perdite stesse, fino a concorrenza del 30 per cento dell’aumento di capitale a pagamento deliberato ed eseguito dopo il 19 maggio 2020 ed entro il 30 giugno 2021, integralmente versato. La percentuale è aumentata dal 30 al 50 per cento per gli aumenti di capitale deliberati ed eseguiti nel primo semestre del 2021.

Il credito d’imposta è utilizzabile in compensazione a partire dal decimo giorno successivo a quello di effettuazione dell’investimento, successivamente all’approvazione del bilancio per l’esercizio 2020 ed entro la data del 30 novembre 2021.

Presentazione delle istanze

In data 11 marzo 2021 è stato pubblicato il provvedimento prot. 67800 dell’Agenzia delle Entrate, contenente istruzioni per l’invio delle istanze.

La domanda va presentata all’Agenzia delle Entrate, in via telematica, direttamente dal beneficiario o tramite un intermediario, utilizzando i canali telematici dell’Agenzia.

Il periodo temporale di presentazione va dal 1° giugno al 2 novembre 2021.

I crediti saranno riconosciuti secondo l’ordine di presentazione e fino all’esaurimento delle risorse di 2 miliardi di euro per il 2021.

Entro trenta giorni dal ricevimento della domanda, verrà comunicata ai richiedenti l’agevolazione spettante o il motivo del diniego.

Allegati