Contributi imprese editrici di quotidiani e periodici. Faq aggiornate

Pubblicato il


Contributi imprese editrici di quotidiani e periodici. Faq aggiornate

Sul sito del Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della Presidenza del Consiglio dei ministri sono state aggiornate le risposte ai quesiti sui contributi alle imprese editrici di quotidiani e periodici.

Le Faq erano state pubblicate ad inizio anno con le indicazioni sulle modalità per la presentazione della richiesta di ammissione ai contributi per l'anno 2019 in favore delle imprese editrici di quotidiani, anche diffusi all'estero, e di periodici. 

L'aggiornamento si è reso necessario dopo i recenti chiarimenti chiesti in merito ai costi rimborsabili ai sensi dell’articolo 96, comma 4, del Dl n. 104/2020 (cosiddetto Decreto Agosto).

Decreto Agosto: rifinanziamenti e semplificazioni per il settore dell'editoria

Il Decreto Agosto recante Misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell’economia”, destina, tra le altre cose, anche risorse per il sostegno al mondo dell’editoria, spettacoli, grandi eventi, fiere, congressi, musei non del MiBACT, che hanno subito danni per l’annullamento o il ridimensionamento delle attività a seguito del dilagare della pandemia da Covid-19.

In particolare, il citato provvedimento prevede delle misure che riguardano direttamente il settore editoriale, fissando ulteriori finanziamenti per il credito di imposta sulla pubblicità sui mezzi di informazione e semplificazioni ed agevolazioni per le testate che si avvalgono dei contributi diretti insistenti sul Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione.

Con i primi commi dell’articolo 96 vengono apportate modifiche all’articolo 57-bis, comma 1-ter, del Dl n. 50/2017, convertito, con modificazioni, dalla Legge 21 giugno 2017 n. 96, come già modificato dal precedente Decreto Rilancio (Dl n. 34/2020, convertito dalla L. n. 77/2020).

Il comma 4, invece, prevede limitatamente al contributo per l’annualità 2019, il differimento del pagamento dei costi, entro 60 giorni dall’incasso del saldo del contributo medesimo.

La disposizione normativa ha generato, però, alcuni dubbi circa i costi che possono essere pagati dalle imprese beneficiarie entro sessanta giorni dall'incasso del saldo del contributo.

Infatti, proprio con riferimento a tali costi è stato chiesto se tra essi possano rientrare anche quelli relativi ai contributi previdenziali; altro quesito, invece, ha riguardato le modalità di certificazione degli stessi.

Imprese editrici di quotidiani e periodici, non differibili i costi relativi al personale

Nelle Faq del Dipartimento aggiornate al 23 settembre 2020, è stato specificato che tra i costi che possono essere pagati dalle imprese beneficiarie entro sessanta giorni dall'incasso del saldo del contributo non possono rientrare i costi relativi al personale.

La disposizione di legge, in corso di conversione, deve infatti intendersi riferita alle voci di costo che non abbiano un’incidenza anche sui requisiti di accesso al contributo, essendo in questo caso la verifica non differibile.

Pertanto, i costi relativi al personale non possono essere fatti rientrare tra quelli pagabili successivamente all’incasso del contributo, in quanto il mancato pagamento degli stipendi farebbe venir meno il requisito del “regolare adempimento degli obblighi derivanti da ciascuna tipologia di contratto collettivo di lavoro, nazionale o territoriale….”, richiesto specificatamente dalla norma in capo alle imprese editrici richiedenti il contributo.

Di conseguenza, anche i costi relativi al versamento degli oneri previdenziali non rientrano nell’ambito di applicazione dell’art. 96, comma 4, del decreto-legge n. 104, trattandosi peraltro di materia oggetto di specifiche disposizioni di salvaguardia, che potranno trovare applicazione ai fini della verifica della regolarità previdenziale richiesta per legge al momento del pagamento.

Circa le modalità di certificazione dei costi per i quali è prevista la suddetta possibilità di differimento, specifica la Faq che:

  • per consentire in sede istruttoria la quantificazione del contributo spettante, nel prospetto dei costi generato dalla piattaforma informatica che gestisce i procedimenti dei contributi diretti alla stampa, regolarmente certificato dalla società di revisione, dovranno essere riportati tutti i costi connessi alla produzione della testata (sostenuti e da sostenere in quanto differibili), indicando, ovviamente per i soli costi sostenuti, gli elementi identificativi degli strumenti di pagamento;
  • relativamente ai costi per il cui pagamento è differito, di essi dovrà dar conto la società di revisione nella relazione da presentare entro il 30 settembre 2020 che dovrà poi essere integrata, successivamente all’avvenuto pagamento e nei termini indicati dall’art. 96, comma 4, con l’indicazione degli strumenti di pagamento utilizzati per i pagamenti differiti.
Allegati Anche in
  • edotto.com – Edicola del 21 agosto 2020 - Decreto Rilancio: nuovi chiarimenti dalle Entrate – Pichirallo
  • edotto.com – Edicola del 30 luglio 2019 - Contributi all’editoria. Riattivata la piattaforma – Pichirallo