Bando “voucher TEM digitali”, domande a Invitalia dal 9 marzo

Pubblicato il


Bando “voucher TEM digitali”, domande a Invitalia dal 9 marzo

Al fine di sostenere l’internazionalizzazione del tessuto produttivo del nostro Paese, sta per prendere il via un progetto di rafforzamento dell’export tramite la progressiva transizione del mondo imprenditoriale verso l’utilizzo sempre più capillare e diffuso della digitalizzazione.

Si tratta del voucher per l’internazionalizzazione di Invitalia: uno strumento rivolto alle micro e piccole imprese che vogliono espandersi o consolidarsi sui mercati esteri.

Per la misura sono state stanziate risorse fino a 50 milioni di euro, da erogare sotto forma di contributo a fondo perduto per l’inserimento temporaneo in azienda di un export manager con competenze digitali (TEM), in grado di accompagnare e potenziare i processi di internazionalizzazione.

Il bando “voucher TEM digitali” si aprirà il 9 marzo 2021. Le richieste saranno valutate in ordine cronologico di arrivo, pertanto, le imprese che vogliono accedere al voucher dovranno informarsi subito su come funziona l’incentivo.

Bando “voucher TEM digitali, cosa è

Il voucher internazionalizzazione per i temporary export manager (TEM) con competenze digitali rientra tra gli interventi previsti dal Patto per l’export presentato a giugno 2020 dal Ministro degli Esteri Luigi Di Maio e fa parte di una più ampia politica a sostegno dell'internazionalizzazione delle imprese italiane.

Si affianca ad altri strumenti già attivi che coprono le spese di consulenza sostenute dalle imprese per avvalersi dei servizi di export manager, come per esempio il finanziamento agevolato di SIMEST per i TEM.

Bando “voucher TEM digitali, a chi si rivolge

Il bando “voucher TEM digitali” 2021 è destinato alle piccole imprese del settore manifatturiero, con meno di 50 addetti, che hanno necessità di assistenza professionale per avviare o accrescere la loro proiezione sui mercati esteri. Sono ammesse anche le reti tra micro e piccole imprese.

Possono richiedere il contributo le MPI manifatturiere (codice Ateco C) con sede legale in Italia.

Per utilizzare il voucher, le imprese dovranno stipulare con i TEM, o le società di TEM, iscritti nell’apposito elenco del Ministero, contratti di consulenza per l’internazionalizzazione della durata minima di un anno.

Si ricorda che è stato il decreto del Ministro degli Esteri del 18 agosto 2020 ad istituire l’elenco dei Temporary Export Manager con competenze digitali, abilitati a erogare i servizi oggetto dell’agevolazione.

Possono richiedere l’iscrizione all’elenco i professionisti e le società competenti in processi di sviluppo d'impresa e di digital transformation per l’export, che hanno maturato significative esperienze di affiancamento manageriale nei percorsi di internazionalizzazione d’impresa.

Nello specifico, i TEM digitali per iscriversi al suddetto elenco devono essere in possesso di una serie di requisiti tra cui:

  • avere una partita Iva da almeno 2 anni;

  • aver realizzato con successo almeno 5 progetti di export.

Inoltre, devono aver acquisito notevoli competenze anche in altri ambiti, come, per esempio, nella progettazione e organizzazione della rete di distribuzione di prodotti e servizi in nuovi mercati esteri e nell’assistenza alle imprese nella partecipazione a fiere internazionali in modalità virtuale e ad eventi in diretta su piattaforme streaming internazionali.

Bando “voucher TEM digitali, cosa finanzia

Il voucher finanzia le spese sostenute per usufruire di consulenze da parte di manager specializzati con competenze digitali, con i quali si sottoscrivono contratti della durata di 12 mesi per le micro e piccole imprese e della durata di 24 mesi per le reti.

La consulenza dei Temporary Export Manager deve essere finalizzata a supportare i processi di internazionalizzazione attraverso:

  1. analisi e ricerche sui mercati esteri;

  2. individuazione e acquisizione di nuovi clienti;

  3. assistenza nella contrattualistica per l’internazionalizzazione;

  4. incremento della presenza nelle piattaforme di e-commerce;

  5. integrazione dei canali di marketing online;

  6. gestione evoluta dei flussi logistici.

Bando “voucher TEM digitali, ammontare del contributo

Il contributo è concesso in regime “de minimis”.

Esso sarà pari a:

  • 20.000 euro alle micro e piccole imprese a fronte di un contratto di consulenza di importo non inferiore, al netto dell’Iva, a 30.000 euro;

  • 40.000 euro alle reti di impresa a fronte di un contratto di consulenza di importo non inferiore, al netto dell’Iva, a 60.000 euro.

Inoltre, si potrà ricevere un contributo aggiuntivo di 10.000 euro se si raggiungono i seguenti risultati sui volumi di vendita all’estero:

  • incremento di almeno il 15% del volume d’affari derivante da operazioni verso paesi esteri registrato nell’esercizio 2022, rispetto allo stesso volume d’affari registrato nell’esercizio 2021

  • incidenza - nell’esercizio 2022 - almeno pari al 6% del volume d’affari derivante da operazioni verso paesi esteri sul totale del volume d’affari

Bando “voucher TEM digitali, presentazione domanda

La domanda per richiedere il voucher si presenta esclusivamente online, attraverso la piattaforma web che sarà resa disponibile sul sito www.invitalia.it.

I termini per la presentazione delle domande saranno stabiliti con un apposito provvedimento.