Accise. Slitta il pagamento elettronico

Pubblicato il


Accise. Slitta il pagamento elettronico

Spostata al 28 febbraio prossimo l’attivazione della nuova sezione denominata OPERA (Operazioni di Pagamento Elettronico e Rendicontazione Automatica) per il pagamento delle accise.

Il differimento è contenuto nella determinazione direttoriale prot. 24552 del 25 gennaio 2021 dell’Agenzia delle Dogane, a modifica della precedente n. 413976 del 13 novembre 2020 e della n. 426592 del 23 novembre 2020.

Quest’ultima, con riferimento all’area accise, fissava al 26 gennaio 2021 l’entrata in vigore di OPERA.

Il nuovo sistema, che affianca quelli tradizionali, nasce dalla necessità di consentire ai prestatori di servizi di pagamento abilitati di utilizzare esclusivamente la piattaforma pagoPA per i pagamenti verso le pubbliche amministrazioni.

I tributi gestiti da OPERA sono raggruppati nelle aree Accise, Dogane e Monopoli e a ciascuna area appartengono due o più categorie o settori d’imposta.

L’utente sceglie l’area o la categoria d’interesse per visualizzare l’elenco dei debiti precostituiti dal sistema riconducibili alla sua posizione debitoria. Successivamente seleziona uno o più debiti presenti nell’elenco e li aggiunge al carrello dei pagamenti; con l’attivazione del pulsante “completa il pagamento” è indirizzato sulla piattaforma pagoPA, dove può scegliere la modalità di pagamento (carta di credito\debito, conto corrente, altre modalità di pagamento come ad esempio PayPal) e confermare.

Se l’operazione è andata a buon fine, la piattaforma pagoPA rilascia in tempo reale all’interno dello “storico pagamenti” una Ricevuta Telematica (RT) che attesta l’avvenuto pagamento e che costituisce per legge quietanza liberatoria.

Allegati