Sistema Customs Decisions: versione aggiornata

Pubblicato il


Sistema Customs Decisions: versione aggiornata

Disponibile la nuova versione del sistema Customs Decisions (CDS) che contiene nuove ed aggiornate funzionalità per fornire un maggiore supporto agli operatori economici ed al personale doganale nell’utilizzo del sistema.

L’Agenzia delle Dogane, con circolare n. 22 del 24 giugno 2021, informa che è stata rilasciata la versione 1.26 del sistema Customs Decisions (CDS). Lo strumento consente agli operatori UE in possesso di un codice EORI di richiedere e gestire le decisioni doganali per via elettronica attraverso un unico portale – EU Trade Portal- EU TP - condiviso a livello unionale. Per l’accesso è necessario lo specifico accreditamento.

Modifica dell’ufficio per le decisioni

Tra le novità introdotte, si segnala la possibilità che venga modificato l’ufficio doganale competente ad adottare le decisioni (DTCA – Decision Taking Customs Authority).

Quindi, per spostare la competenza di un’autorizzazione da una DTCA ad un’altra deve essere attivata la funzione “Update DTCA”/“Modifica DTCA”, poi selezionare il codice del nuovo ufficio doganale competente ed inserire la motivazione del cambiamento.

In merito a tale funzionalità viene chiarito che:

  • non può essere richiesta dall’operatore economico tramite il Trader Portal in quanto il processo è di competenza del personale doganale tramite il CDMS;
  • la modifica è sottoposta alla validazione del Direttore della struttura;
  • l’operatore economico riceve sul Trader Portal la notifica della rettifica effettuata.

Processo di rettifica

Qualora sia stato avviato per errore il processo di rettifica dell’autorizzazione o il soggetto che valida l’operazione ritenga non opportuno proseguire con la rettifica, è possibile cancellare l’operazione effettuata:

  • prima che la bozza di rettifica venga sottoposta alla validazione del Direttore della struttura;
  • al momento della validazione del Direttore della struttura.

Nell’ambito del processo di rettifica, la nuova versione consente di emendare anche il rappresentante dell’autorizzazione attraverso l’inserimento del codice EORI del nuovo rappresentante.

Allegati