Privacy. Software per valutazione d'impatto sulla protezione dei dati (DPIA)

Pubblicato il


Privacy. Software per valutazione d'impatto sulla protezione dei dati (DPIA)

Disponibile un software di ausilio per la valutazione d'impatto sulla protezione dei dati (DPIA), versione 1.6.3 del 1° giugno 2018.

Lo comunica il Garante per la privacy che informa che la CNIL, l'Autorità francese per la protezione dei dati, ha offerto tale applicazione in modo gratuito (scaricabile da www.cnil.fr - Outil PIA : téléchargez et installez le logiciel de la CNIL).

La versione in lingua italiana è stata messa a punto anche con la collaborazione del Garante per la protezione dei dati personali.

Precisa il Garante che tale software non deve costituire un modello a cui riferirsi in ogni situazione di trattamento, essendo stato studiato soprattutto per le Pmi, ma è utile come supporto per svolgere una DPIA.

Si ricorda che la valutazione d'impatto sulla protezione dei dati deve tenere conto del rischio complessivo che il trattamento previsto può comportare per i diritti e le libertà degli interessati. La questione può essere approfondita attraverso un tutorial del Garante.

Allegati Anche in
  • eDotto.com – Edicola del 1 giugno 2018 - Privacy. Confindustria, Abi, Confprofessioni, Confartigianato e Cnf: presto con il decreto – G. Lupoi