Invio corrispettivi luglio, fine moratoria

Pubblicato il



Invio corrispettivi luglio, fine moratoria

In scadenza la moratoria delle sanzioni per il mancato invio dei corrispettivi per i soggetti obbligati dal 1° luglio 2019 alla trasmissione telematica all’agenzia delle Entrate.

Gli obbligati che non hanno inviato i dati del mese di luglio entro i termini ordinari, devono provvedervi - direttamente o attraverso gli intermediari - entro il 2 settembre 2019, pena la sanzione (art. 2 comma 6 del Dlgs 127/2015) del 100% dell’imposta corrispondente all’importo non tramesso con sospensione della licenza. 

Chi non ha il registratore telematico può avvalersi dei servizi attivati dall'Agenzia delle entrate, come chiarito dall’Agenzia nella circolare 15/2019.

Corrispettivi da inviare. Fine moratoria

Si ricorda che il Dlgs 127/2015 obbliga ad inviare i dati dei corrispettivi entro 12 giorni dall’effettuazione dell’operazione.

In fase di prima applicazione della nuova normativa, è stata concessa una moratoria delle sanzioni: nei primi sei mesi di vigenza dell’obbligo, i corrispettivi possono essere trasmessi entro la fine del mese successivo a quello di effettuazione.

Invece, non sono slittati i termini per la liquidazione dell'Iva, per l'obbligo di certificazione, con emissione dello scontrino e/o della ricevuta fiscale, e per l'obbligo di annotazione degli importi nel registro dei corrispettivi.

Allegati Anche in
  • eDotto.com – Edicola del 30 luglio 2019 - Corrispettivi senza registratori telematici. Online il servizio per l’invio – G. Lupoi