Forum italiano sulla fatturazione elettronica. Novità in arrivo

Pubblicato il


Forum italiano sulla fatturazione elettronica. Novità in arrivo

Novità in cantiere per le fatture elettroniche. Dal Forum italiano sulla fatturazione elettronica l’annuncio dell’alleggerimento delle sanzioni relative alla memorizzazione dei corrispettivi.

Si è tenuto il “Forum italiano sulla fatturazione elettronica”, tra Mef, Entrate e categorie interessate.

Molte le novità illustrate dai tecnici, come: nuovi moduli e nuovi codici; nuove tipologie di ritenute (Enasarco e Inps); eliminazione dell’obbligo di indicazione del bollo.

Le nuove tipologie di documento, anche ai fini della redazione della dichiarazione precompilata Iva, in arrivo:

  • TD13 e TD14 per l’invio al Sistema SdI dei documenti di integrazione delle fatture nei casi di reverse charge intraUe ed interno;
  • TD15 ed il TD16 per l’invio delle autofatture per autoconsumo e per cessioni gratuite;
  • TD17 e TD18 per la trasmissione dei documenti che certificano l’estrazione dei beni da un deposito Iva con o senza versamento dell’imposta;
  • TD19 che indicherà le cessioni di beni ammortizzabili e per passaggi interni.

Nuovi codici, in via sperimentale da aprile e obbligatori da luglio, sostituiranno i codici generici N3 ed N6:

  • i codici da N3.1. a N3.6, dovranno essere esposti per l’indicazione puntuale delle operazioni non imponibili derivanti da esportazioni o da cessioni intracomunitarie o verso San Marino;
  • i codici da N6.1 a N6.8 e loro sottocodici, caratterizzeranno le tipologie di operazioni soggette a inversione contabile.

Quanto all’adeguamento del software degli RT e della procedura web dell’Agenzia (provvedimento direttoriale del 20 dicembre 2019), i tecnici hanno precisato che sarà operativo dal 1° luglio 2020.

Sia i registratori telematici che la procedura web, dal 1° marzo 2020 saranno in grado di gestire anche: le differenziazioni tra cessioni di beni e prestazioni di servizi, le multiattività, i resi e gli annulli senza necessità di richiamare il documento originario; i buoni pasto; le cessioni omaggio; le cessioni di beni in sospeso (non consegnati) con corrispettivo non percepito o parzialmente percepito; le prestazioni di servizio non riscosse per successiva emissione di fattura; le fatture da RT e i corrispettivi non riscossi in caso di distinta contabile riepilogativa SSN.

Allegati Anche in
  • edotto.com - Edicola del 22 gennaio 2020 - e-fattura riepilogativa: si può non inviare la lista - G. Lupoi