Esonero contributivo per l’assunzione di giovani

Pubblicato il



Esonero contributivo per l’assunzione di giovani

La Legge di Bilancio 2018, al fine di promuovere l'occupazione giovanile stabile, riconosce ai datori di lavoro privati che, a decorrere dal 1º gennaio 2018, assumono lavoratori con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a tutele crescenti, per un periodo massimo di trentasei mesi, l'esonero dal versamento del 50% per cento dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL, nel limite massimo di importo pari a 3.000 euro su base annua, riparametrato ed applicato su base mensile.

Resta ferma l'aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche.

L'esonero spetta per i giovani che alla data della prima assunzione incentivata non abbiano compiuto:

  • per il 2018 il trentacinquesimo anno di età;
  • dal 2019 il trentesimo anno di età;

e non siano stati occupati a tempo indeterminato con il medesimo o con altro datore di lavoro.

Non sono ostativi al riconoscimento dell'esonero gli eventuali periodi di apprendistato svolti presso un altro datore di lavoro e non proseguiti in rapporto a tempo indeterminato.

L'esonero si applica, per un periodo massimo di dodici mesi - fermo restando il limite massimo di importo pari a 3.000 euro su base annua - anche nei casi di prosecuzione, successiva al 31 dicembre 2017, di un contratto di apprendistato in rapporto a tempo indeterminato a condizione che il lavoratore non abbia compiuto il trentesimo anno di età alla data della prosecuzione.

Qualora l’assunzione sia di:

  • studenti che hanno svolto presso il medesimo datore attività di alternanza scuolalavoro pari almeno al 30% delle ore di alternanza;
  • studenti che hanno svolto, presso il medesimo datore di lavoro, periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore, il certificato di specializzazione tecnica superiore o periodi di apprendistato in alta formazione;

ed avvenga entro sei mesi dall'acquisizione del titolo di studio, l’esonero è totale, con esclusione dei premi e contributi dovuti all'INAIL, fermi restando il limite massimo di importo pari a 3.000 euro su base annua ed il previsto requisito anagrafico.

Anche in
  • eDotto.com – Edicola del 29 dicembre 2017 – In Gazzetta la legge di bilancio – Schiavone