Cndpac. Nuova proroga per versamento dei contributi minimi

Pubblicato il


Cndpac. Nuova proroga per versamento dei contributi minimi

Con avviso del 15 giugno 2021 la Cndpac comunica di aver deciso di prorogare dal 30 giugno al 30 settembre 2021 il versamento della prima rata dei contributi minimi. E’ il secondo rinvio dopo quello che aveva spostato il termine dal 31 maggio al 30 giugno.

Il differimento, si legge nell’avviso, è dovuto al fatto che non sono ancora stati emanati i decreti attuativi relativi all’esonero contributivo, previsto dalla legge di bilancio 2021. Infatti, si vuole evitare che i professionisti potenziali destinatari del beneficio effettuino il versamento per poi chiedere il rimborso.

Si ricorda che l'esonero in parola è riconosciuto nel limite massimo individuale di 3.000 euro su base annua e va a beneficio di lavoratori autonomi e professionisti iscritti alle gestioni previdenziali dell'INPS e professionisti iscritti agli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza in possesso dei seguenti requisiti:

  • aver subìto un calo del fatturato o dei corrispettivi nell'anno 2020 non inferiore al 33% rispetto a quelli dell'anno 2019;
  • aver percepito nel periodo d'imposta 2019 un reddito complessivo di lavoro o derivante dall'attività che comporta l'iscrizione alla gestione non superiore a 50.000 euro.

Professionisti che non vogliono avvalersi dell’esonero

Il Cndpac fornisce istruzioni per coloro che non volessero avvalersi dell’esonero ed effettuare in anticipo il pagamento della prima rata dei contributi minimi.

A breve, sarà resa disponibile, all’interno dei servizi on line, l’autogenerazione del relativo MAV (comprensivo della contribuzione minima sia soggettiva che integrativa).

Non ci sarà alcun addebito il 30 settembre per l’iscritto che ha optato per il versamento con la modalità SDD e paga in anticipo la prima rata dei contributi minimi attraverso MAV.

Seconda e terza rata eccedenze contributive 2020

Non è oggetto di proroga, invece, il versamento relativo alla seconda e terza rata delle eccedenze contributive 2020, che, quindi, va eseguito entro il 30 giugno 2021.

Nell’avviso è disponibile una tabella contenente le date delle scadenze contributive dell’anno 2021.

Allegati