Azioni di politica attiva avviate dalle Regioni

Pubblicato il

In questo articolo:



Azioni di politica attiva avviate dalle Regioni

Con circolare n. 6, del 18 gennaio 2018, l’INPS ha illustrato lo schema di convenzione, adottato con Determinazione presidenziale n. 184/2017, tra le Regioni/Province autonome e l’Istituto per l’erogazione degli importi relativi all’attuazione dell’articolo 44, comma 6-bis, del D.Lgs. n 148/2015, finalizzati ad azioni di politica attiva avviate dalle Regioni/Province autonome, soffermandosi su:

  • quadro normativo;
  • oggetto della Convenzione;
  • adempimenti preliminari alla stipula della Convenzione;
  • adempimenti delle parti;
  • costi del servizio;
  • regime fiscale;
  • monitoraggio e rendicontazione.

Sottoscrizione della convenzione

Ai fini della sottoscrizione della Convenzione, la circolare specifica che sono necessari i seguenti adempimenti preliminari:

  • la formale comunicazione da parte della Regione/Provincia autonoma, sotto la propria responsabilità, di aver completato la decretazione relativa agli anni 2014, 2015, 2016 e 2017; di aver trasmesso tutti i decreti, con esito positivo, in Banca Dati Percettori (SIP) e che non vi sono decreti ulteriori rispetto a quelli indicati, assumendosi, al contempo, la responsabilità e l’onere finanziario della gestione di possibili ulteriori situazioni non definite;
  • la successiva quantificazione, da parte dell’INPS, delle quote regionali disponibili;
  • l’adozione dell’atto da parte della Regione/Provincia autonoma, con il quale la stessa accerta ed individua le somme da destinare alle azioni di politica attiva del lavoro oggetto della convenzione. Tale atto deve essere coerente con la quantificazione delle risorse disponibili fornita dall’Istituto e deve indicare, esplicitamente, che le somme individuate saranno finalizzate all’erogazione delle prestazioni di politica attiva.
Allegati Anche in
  • eDotto.com – Edicola del 2 febbraio 2017 – Azioni di politica attiva del lavoro – Schiavone