Assunzioni under 36, l’UE concede il via libera allo sgravio INPS

Pubblicato il


Assunzioni under 36, l’UE concede il via libera allo sgravio INPS

Tutto pronto per lo sgravio contributivo del 100% per un massimo di 6.000 euro all’anno, fino a tre anni, in favore dei datori di lavoro che nel 2021 e 2022 assumono a tempo indeterminato o stabilizzano dipendenti under 36. Infatti, martedì la Commissione europea ha dato il via libera alla possibilità di ottenere l’esonero contributivo.

A darne notizia è stata la sottosegretaria al Lavoro, Tiziana Nisini, in risposta a una interrogazione presentata in Commissione lavoro alla Camera. L’agevolazione, si ricorda, è contenuta nella Legge di Bilancio 2021 (L. n. 178/2020), ma finora è rimasta inattuata.

Sgravio under 36, come funziona

L’art. 1, co. da 10 a 15 della Legge di Bilancio 2021 ha esteso in via sperimentale, per il biennio 2021-2022, lo sgravio contributivo - previsto dalla L. n. 205/2017 (Legge di Bilancio 2018), elevando al 100% la riduzione dei contributi a carico del datore di lavoro per un periodo massimo di 36 mesi (48 mesi per le Regioni del Sud), entro il limite massimo di importo pari a 6.000 euro annui.

L’incentivo spetta per le nuove assunzioni a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato, effettuate nel biennio 2021-2022, di soggetti che, alla data dell’evento incentivato:

  • non abbiano compiuto 36 anni di età, da intendersi come età inferiore o uguale a 35 anni e 364 giorni, e
  • non siano stati occupati a tempo indeterminato con il medesimo o con altro datore di lavoro nel corso dell’intera vita lavorativa.

L’esonero spetta anche nel caso di:

  • rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato instaurati in attuazione del vincolo associativo stretto con una cooperativa di lavoro (legge n. 142/2001);
  • assunzioni a tempo indeterminato a scopo di somministrazione, anche nei casi in cui la somministrazione venga resa verso l’utilizzatore a tempo determinato.

L’incentivo non trova applicazione per i rapporti di lavoro domestico e rapporti di apprendistato, nonché in caso di:

  • assunzione con contratto di lavoro intermittente o a chiamata, anche se stipulato a tempo indeterminato;
  • rapporto di lavoro a tempo indeterminato di personale con qualifica dirigenziale;
  • prestazioni di lavoro occasionali (ex lege n. 96/2017).

Decontribuzione under 36, misura dell’incentivo

L’incentivo consiste nell’esonero totale dal versamento dei contributi previdenziali a carico dell’azienda nel limite massimo di 6.000 euro/anno fruibile in 36 quote mensili (48 per le Regioni del Sud): la soglia massima conguagliabile mensilmente è quindi pari a 500 euro.

Per i rapporti di lavoro instaurati ovvero risolti nel corso del mese, la soglia va riproporzionata assumendo a riferimento la misura di euro 16,12 (€ 500/31 gg.) per ogni giorno di fruizione dell’esonero contributivo.

Esonero under 36, le condizioni

Oltre al rispetto dei requisiti anagrafici sopra descritti, per la fruizione dell’esonero contributivo è richiesto che il lavoratore, nel corso dell’intera vita lavorativa, non sia stato occupato, presso il medesimo o qualsiasi altro datore di lavoro, in forza di un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, anche in somministrazione.

Allegati