770/2018, approvato il modello per la dichiarazione dei sostituti d'imposta

Pubblicato il

In questo articolo:



770/2018, approvato il modello per la dichiarazione dei sostituti d'imposta

Approvato in data 15 gennaio 2018 dall’Agenzia delle Entrate anche il modello per la dichiarazione delle ritenute operate nel corso del 2017 e dei versamenti effettuati dai sostituti d'imposta.

Approvato con provvedimento n. prot. 10621/2018, è relativo al periodo d’imposta 2017 e va obbligatoriamente presentato in modalità telematica.

Il modello 770/2018, insieme alle relative istruzioni, oltre agli adeguamenti normativi, è caratterizzato da ritocchi finalizzati ad alleggerire ulteriormente i sostituti d’imposta tenuti all’adempimento dichiarativo.

Si ricorda, infatti, che tale modello deve essere utilizzato per comunicare i dati relativi alle ritenute operate nell’anno 2017 ed i relativi versamenti, nonché le ritenute operate su dividendi, proventi da partecipazione, redditi di capitale od operazioni di natura finanziaria ed i versamenti effettuati dai sostituti d’imposta.

Esso è, inoltre, utilizzato per l’indicazione delle compensazioni operate, nonché per l’indicazione dei crediti d’imposta utilizzati e dei dati relativi alle somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi.

Un’altra novità del nuovo modello è costituita dall'inserimento dei dati relativi alle ritenute operate sulle locazioni brevi di cui all'articolo 4 del Dl n. 50/2017.

Da ricordare, infatti, che quest’anno vi è l’obbligo, per i soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, nonché di quelli che gestiscono i portali telematici, e che contemporaneamente incassano o intervengono nella riscossione del canone di contratti di locazione breve, di indicare la ritenuta d’acconto o d’imposta del 21% su questi canoni ricevuti dal conduttore, nel momento in cui pagano questi importi ai locatori (codice tributo 1919).

Novità modello 770/2018

Al fine di recepire tutte le modifiche normative che hanno interessato il Modello 770/2018, sono state apportate le seguenti novità:

  • è stata riformulata la sezione dell’invio del frontespizio, per permettere la trasmissione di più flussi di ritenute all’interno della dichiarazione da parte di professionisti diversi;

  • il quadro SK recepisce le disposizioni del decreto MEF del 26 maggio 2017, secondo cui gli utili derivanti dalla partecipazione in soggetti Ires e i proventi equiparati derivanti da titoli e strumenti finanziari assimilati alle azioni, formati con utili prodotti a partire dall’esercizio successivo a quello in corso al 31 dicembre 2016, concorrono alla formazione del reddito complessivo nella misura del 58,14%;

  • il quadro SX è stato modificato per consentire una più puntuale quadratura delle compensazioni dei crediti effettuate nel modello F24.

Allegati Links