Professionisti in piazza per dar voce al loro malessere

Pubblicato il


Professionisti in piazza per dar voce al loro malessere

Alla protesta dei professionisti, tenutasi a Roma il 13 maggio, per manifestare un malessere diffuso e per chiedere qualità, rispetto ed un equo compenso, hanno partecipato numerosi ingegneri e architetti, avvocati, geometri e medici (tremila professionisti secondo la polizia, diecimila per gli organizzatori).

La manifestazione, che è stata organizzata in sole tre settimane dagli Ordini di Roma di avvocati, ingegneri, architetti e medici e dall’Ordine degli avvocati di Napoli, sull'onda del disagio diffuso tra le libere professioni ha visto ampliare notevolmente la partecipazione tanto da assumere le sembianze di una vera e propria manifestazione nazionale.

La partecipazione degli Albi, però, è venuta a mancare. Fatta eccezione per quello dei veterinari, i Consigli nazionali delle diverse categorie hanno ignorato la manifestazione di protesta. Avendo, infatti, di recente avviato un dialogo con il Governo (in particolare con il ministero del Lavoro) proprio sull’equo compenso protestare sembrava poco opportuno.

Anche se sul numero dei manifestanti grava l'incognita della partecipazione effettiva al corteo, secondo i professionisti quella del 13 maggio è stata la dimostrazione di un vero e proprio malessere generalizzato che non può essere più ignorato.

Per la prima volta, infatti, professioni molto diverse tra loro sono riuscite a trovare un punto di sintesi comune, proprio a voler ribadire il sintomo di un disagio estremamente diffuso tra coloro che esercitano la professione ogni giorno.

Le lamentele non possono essere, quindi, più ignorare. Per gli organizzatori la manifestazione del 13 maggio segna l’inizio di un nuovo percorso e di un dialogo tra la base e chi è deputato a legiferare. Intanto, per metà giugno è attesa una nuova mossa con l'invito a Roma delle rappresentanze politiche.

Anche in
  • eDotto.com – Edicola 11 maggio 2017 - Manifestazione “Noi professionisti” del 13 maggio. Adesioni in aumento – Pergolari