In difesa del "caro studi"

Pubblicato il



Il prossimo 20 luglio scadrà l'ulteriore termine per il versamento delle imposte scaturite da Unico 2005, con maggiorazione dello 0,40%. Se il contribuente decidesse di non adeguarsi agli studi di settore, alla scadenza della data del 20 luglio gli resterebbe la sola via del ravvedimento operoso per regolarizzare il 2004 con sanzioni ridotte. Qualora gli studi di settore trovassero immediata applicazione, il contribuente che deciderà per il non adeguamento riceverà un invito al contraddittorio, primo passo per la contestazione delle risultanze di Gerico. Il rifiuto del contraddittorio o il mancato accordo con il Fisco produrranno il contenzioso.

 

Gli studi di settore revisionati rappresentano, comunque, un'arma di difesa per il contribuente, in quanto possono essere impiegati, quando più favorevoli, per giustificare scostamenti sulle annualità pregresse (i modelli revisionati conducono, in genere, ad un aumento dei risultati di congruità).

Allegati